LOOGBOOK

 Giovanni Zanzani

Giornale di bordo dello yawl Rampante
Comandante Annibale Balsimelli
Anno 1939
Creative Commons License
È un opera rolascita con licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported License.

Logbook


27 luglio 1939
28 luglio 1939



27 luglio 1939
La bellezza della notte mi ha impedito di dormire, così sono rimasto in coperta a osservare le stelle fino a quando il primo chiarore dell’alba ha annunciato l’arrivo del giorno.
È stata una fortuna perchè all'alba ho potuto scorgere il Minerva che, tenace come un animale da preda, faceva il suo ingresso nel golfo dove siamo ormeggiati. L'avvistamento mi ha consentito di correre ai ripari: ho svegliato tutti ed ho spedito gli ospiti a terra dove Socrates si è occupato della loro sicurezza. So di potermi fidare ciecamente di quel vecchio contrabbandiere, sfido chiunque a tenergli testa sul suo territorio. A me e ad Abdul è toccato il compito del ricevere i tedeschi. Lo schooner ha dato fondo vicino al Rampante, segno evidente che Rieve non voleva perdere tempo. Per precauzione avevo chesto ai gendarmi di Koroni di mostrarsi al mio fianco al momento dell'arrivo del Minerva, così quando l’equipaggio della goletta ha calato l'ancora accanto a noi, due uomini in divisa erano a bere caffè sul Rampante. Ho visto il volto di Rieve farsi verde di bile, forse quel mascalzone pensava di venire direttamente con le armi a prelevare le sue vittime: gli è andata male e deve aver capito che la partita è molto più difficile del previsto. Ora anche per noi tutto è più complicato, di partire non si parla nemmeno, se il Rampante salpasse, nel giro di due ore si troverebbe alla mercè di quel pendaglio da forca e del suo equipaggio di sicari. Bisognerà studiare un nuovo piano di fuga. Per fortuna gli amici di Koroni sono tutti dalla nostra parte.

28 luglio 1939
Nel corso della notte abbiamo elaborato uno stratagemma per sfuggire ai nostri inseguitori, una finta partenza delle donne e dei bambini per via di terra. L'operazione è riuscita perfettamente e i tedeschi ci sono caduti come allocchi.
Questa mattina è giunta un'automobile, Socrates l'ha fatta venire da Kalamata, una Grossa Fiat che fa servizo di piazza. Non è stato facile averla perchè a Kalamata ce ne sono cinque in tutto ed è stato molto difficile convincere uno dei proprietari a percorrere quella specie di tratturo che collega la città con Koroni. Per ottenere che la macchina arrivasse, l'amico Socrates è dovuto ricorrere ai buoni uffici di un caporione del porto, uno che gli doveva un piacere.
Alle nove del mattino si sono viste le due donne e i due ragazzi vestiti elegantemente alla berlinese uscire dalla casa di Socrates per salire sulla vettura che è partita alla volta di Kalamata. La scena non poteva sfuggire a nessuno, tanto meno a chi avesse avuto modo di trovarsi alla fonda di fronte al villaggio. Infatti Turi e io l'abbiamo osservata benissimo, come pure l'equipaggio del Minerva che ha immediatamente salpato l'ancora per partire verso Kalamata. Quei criminali pensano senz'altro di approfittare della sonnecchiosa città per mettere le mani su Therese e costringerla a consegnare i disegni delle punterie che stanno tanto a cuore allo stato maggiore tedesco. Non sanno che ad attenderli in porto c'è una allarmatissima gendarmeria alla quale, attraverso oscure malleverie condotte dai compari di Socrates, è stato segnalato un pericoloso traffico di fucili tra la Germania e la Grecia. Non vorrei trovarmi nei panni del comandante tedesco quando il Minerva darà volta sulle bitte di Kalamata. Se tutto va bene ci vorranno almeno due giorni perché quei malnati possano ripartire, due giorni che per noi possono significare la salvezza perché ci consentirebbero di raggiungere Malta. Un secondo elemento nel quale spero è l'ispezione alla quale le autorità del porto sottoporranno lo schooner, ispezione che potrebbe condurre al sequesto delle loro armi, a mio giudizio un cospicuo numero di fucili.
Il dado è tratto, dopo aver atteso che i nostri nemici avessero condotto il Minerva fuori vista, Therese e gli altri sono usciti dal boschetto dove si erano rifugiati e sono risaliti a bordo. Gli abbracci non ci sono stati, ma spero che un giorno potremo sdebitarci con questi generosi amici greci. È mezzogiorno e il Rampante naviga a vele spiegate con prua a 270 gradi. Il vento è buono, ma se ce ne fosse di più, nessuno si lamenterebbe.

Il prossimo capitolo verrà pubblicato lunedì 12 settembre 2011

Capitolo precedente Capitolo successivo


Scarica il romanzo completo in formato ".epub" .


Logbook - Capitolo primo
Logbook - Capitolo secondo
Logbook - Capitolo terzo
Logbook - Capitolo quarto
Logbook - Capitolo quinto
Logbook - Capitolo sesto
Logbook - Capitolo settimo
Logbook - Capitolo ottavo
Logbook - Capitolo nono
Logbook - Capitolo decimo
Logbook - Capitolo undicesimo
Logbook - Capitolo dodicesimo
Logbook - Capitolo tredicesimo
Logbook - Capitolo quattordicesimo
Logbook - Capitolo quindicesimo
Logbook - Capitolo sedicesimo
Logbook - Capitolo diciassettesimo
Logbook - Capitolo diciottesimo
Logbook - Capitolo diciannovesimo
Logbook - Capitolo ventesimo
Logbook - Capitolo ventunesimo
Logbook - Capitolo ventiduesimo
Logbook - Capitolo ventitreesimo
Logbook - Capitolo ventiquattresimo
Logbook - Capitolo venticinquesimo
Logbook - Capitolo ventiseiesimo
Logbook - Capitolo ventisettesimo
Logbook - Capitolo ventottesimo
Logbook - Capitolo ventinovesimo
Logbook - Capitolo trentesimo
Logbook - Capitolo trentunesimo
Logbook - Capitolo trentaduesimo
Logbook - Capitolo trentatreesimo
Logbook - Capitolo trentaquattresimo
Logbook - Capitolo trentacinquesimo
Logbook - Capitolo trentaseiesimo
Logbook - Capitolo trentasettesimo
Logbook - Capitolo trentottesimo