LOOGBOOK

 Giovanni Zanzani

Giornale di bordo dello yawl Rampante
Comandante Annibale Balsimelli
Anno 1939
Creative Commons License
È un opera rolascita con licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported License.

Logbook


In vista dell'isola di Malta, 3 agosto 1939



3 agosto 1939 In vista dell'isola di Malta
Quando si è usciti da vicissitudini in cui si è rischiata la vita, il piacere che si prova è così forte che non lo si regge a lungo, occorre distogliere la mente dai ricordi se si vuole prendere sonno. Mentre Punta Delimara, l'estremità orientale di Malta, sfila sulla sinistra del Rampante io penso a Bellaria, al suo porticciolo che è poco più di un fosso e a quelle sue ragazze che conoscevo allora e che ora saranno madri di ragazzi come ero io quando me ne andai. Non vi sono palme sulla spiaggia di Bellaria come si vedono qui nel sud del Mediterraneo, né buganvillee né pitosfori, ma solo tamerici azzurrine care al nostro poeta, e pini dal tondo ombrello. Le barche di quel mare poco profondo hanno il fondo piatto e portano rande al terzo di colore giallo e rosso, vele piene di toppe come i pantaloni dei loro marinai. Sono barche da lavoro che temono il Garbino, scirocco che nell'attraversare l'Italia, da genio africano si trasforma in folletto dispettoso capace al massimo di sollevare le gonne alle ragazze di Bellaria. Le barche però lo temono, perché quel vento burlone può impedir loro di rientrare in porto dopo una giornata di pesca.
Questi sono i pensieri coi quali mi distraggo dall’essere scampato alla morte a bordo del Rampante. Tra un'ora o poco più saremo a La Valletta, ormeggerò lo yawl e scenderò con Turi a bere una bottiglia di vino, rito fin troppo misero per un piacere che mi terrà sveglio per un mese intero. Denise, la quattordicenne cui ho insegnato i primi rudimenti della vela, oggi mi ha fatto una domanda.
- Comandante, cos'è che spinge le barche come il Rampante contro il vento?
Pensando ad una frase ad effetto, avrei voluto dire che ciò che manda le barche contro vento è il coraggio dei timonieri, ma ricordando di aver provato solo paura mentre fuggivo, ho preferito tacere. Denise mi guardava e attendeva una risposta. Me la sono cavata dicendo che le barche vanno contro vento perché lo amano, che è la bugia più grossa che potessi inventare, ma almeno è poetica e spero che Denise se la ricordi per questo.
Therese oggi si è fatta scorbutica, forse pensa alle difficoltà che l'attendono, non riesco a biasimarla. Guarda le coste maltesi avvicinarsi ed ha un'espressione dura come non le ho mai visto. Reinhardt gioca con una cimetta provando a stringere uno dei nodi che Turi gli ha insegnato a fare. So che i ragazzi non scorderanno mai questi giorni.

Il prossimo capitolo verrà pubblicato lunedì 24 ottobre 2011

Capitolo precedente Capitolo successivo


Scarica il romanzo completo in formato ".epub" .


Logbook - Capitolo primo
Logbook - Capitolo secondo
Logbook - Capitolo terzo
Logbook - Capitolo quarto
Logbook - Capitolo quinto
Logbook - Capitolo sesto
Logbook - Capitolo settimo
Logbook - Capitolo ottavo
Logbook - Capitolo nono
Logbook - Capitolo decimo
Logbook - Capitolo undicesimo
Logbook - Capitolo dodicesimo
Logbook - Capitolo tredicesimo
Logbook - Capitolo quattordicesimo
Logbook - Capitolo quindicesimo
Logbook - Capitolo sedicesimo
Logbook - Capitolo diciassettesimo
Logbook - Capitolo diciottesimo
Logbook - Capitolo diciannovesimo
Logbook - Capitolo ventesimo
Logbook - Capitolo ventunesimo
Logbook - Capitolo ventiduesimo
Logbook - Capitolo ventitreesimo
Logbook - Capitolo ventiquattresimo
Logbook - Capitolo venticinquesimo
Logbook - Capitolo ventiseiesimo
Logbook - Capitolo ventisettesimo
Logbook - Capitolo ventottesimo
Logbook - Capitolo ventinovesimo
Logbook - Capitolo trentesimo
Logbook - Capitolo trentunesimo
Logbook - Capitolo trentaduesimo
Logbook - Capitolo trentatreesimo
Logbook - Capitolo trentaquattresimo
Logbook - Capitolo trentacinquesimo
Logbook - Capitolo trentaseiesimo
Logbook - Capitolo trentasettesimo
Logbook - Capitolo trentottesimo