Almanacco della Campuria

Cane da pagliaio

Almanacco della Campuria - Cane da pagliaio


Un tempo in campagna, quando nasceva una cucciolata di cani, il più versato nella punta diventava specialista nella ferma, quello più robusto faceva il riporto, il cane combattivo e magro veniva usato come animale da tana.

Per ognuno di essi il proprietario stabiliva il destino in base alle caratteristiche e alle capacità. A volte però c'era anche il cane scemo, quello incapace di seguire tracce olfattive, di vedersela a tu per tu coi selvatici, o di riportare al cacciatore la preda uccisa. Ecco come si sceglieva un cane da pagliaio, se il cucciolo non era buono da niente lo si legava alla catena e gli si gettava un osso di quando in quando.
Ecco in due parole la carriera politica di Angelino Alfano, la cui prerogativa è di non avere qualità. Per abbaiare abbaia, anche se nessuno gli dà ascolto, ma che importanza hanno i versi di un cane da pagliaio?

Giovanni Zanzani Giovanni Zanzani

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons .

Scarica il testo completo in formato ".epub" .


ARTICOLI PUBBLICATI
Gran finale
Lupo
Orso
Gatto
Asino
Fagiano
Struzzo
Ramarro
Basilisco
Grillo parlante
Avvoltoio
Cobra
Pavone
Mosche
Cane da pagliaio
Aringa
Allocco
Merluzzo
Volpe
Barbone
Tacchino
Locuste
Capre
Scarabeo stercorario
Marmotta
Il giorno del porco
Ratti