Cronache dalla campuria

a cura di Giovanni Zanzani

Giovanni Zanzani

 

25 ottobre 2010 Un santo coi baffi


Qualcuno ha detto che le mie cronache parlano quasi sempre di animali. È così, le storie che vi racconto sono spesso storie di bestie. A dir la verità, ho dedicato spazi pure al Presidente del Consiglio e ai suoi ministri, ma anche lì non mi sono allontanato molto del mondo degli animali, così non posso negare che la critica sia fondata.
Image Una ragione c'è ed è che questa rubrica di cronaca è nata e vive in una terra di agricoltori, uomini condannati da millenni alla poco invidiabile fortuna dell'isolamento invernale e delle estenuanti fatiche estive, col solo conforto della compagnia degli animali domestici. Anche se il destino di questi amici a quattro zampe è quello di finire in graticola, oppure appesi a pezzi alle travi di una cantina fresca, gli animali hanno sempre rappresentato in campagna una presenza amata e onorata. Queste bestie dunque hanno più titoli per comparire nelle mie cronache di quelle che fanno parte dell'esecutivo di governo, bestie assai più voraci e dannose per i nostri granai.
Oggi vi parlerò di uno dei pochi animali che qui in Campuria non diventano alimenti (almeno in tempo di pace). Tuttavia, al fine di convincere gli editori che la mia rubrica è più di un almanacco rurale, sconfinerò nella metafisica.
La notizia è che un gatto è scampato miracolosamente a un terribile incidente stradale quando una vettura è uscita di strada per non investirlo. È accaduto lungo una via che si chiama San Silvestro, un tempo aperta campagna, ora uno dei luoghi dove l'inurbamento ha portato capannoni e parcheggi di Tir. I dati in mio possesso non contemplano il colore del felino, dalla tinta della sua pelliccia avrei potuto capire se il fatto che la vettura lo abbia evitato sia da attribuire all'amore per gli animali da parte del guidatore oppure al suo tentativo di non incrociare la propria rotta con quella di un gatto nero, evento giudicato nefasto da un folto numero di persone. L'ora in cui è avvenuto il sinistro è collocata nel primissimo mattino. Cosa facesse il micio lungo l'arteria è un mistero, i gatti trascorrono la notte seguendo odori e sapori a noi ignoti per rincasare all'alba, ed è stato proprio sul fare del giorno che lo sfortunato automobilista se l'è trovato di fronte. Una brusca frenata e il danno era compiuto, automobile nel fosso e guidatore all'ospedale.
Lungo la via c'è un bar che espone sull'insegna la figura di gatto Silvestro. La curiosità di quell'insegna è nell'aureola che è stata aggiunta al famoso personaggio dei cartoni animati, trasformandolo in un San Silvestro da pala d'altare sul quale potrebbe svolazzare il canarino Titti vestito da cherubino. Così il celebre felino dei fumetti, diventato santo per esigenze pubblicitarie, ha compiuto il miracolo di salvare la vita al suo fratello insonne e girandolone. L'automobilista invece non doveva avere santi in paradiso perché è finito con le ossa rotte.

Giovanni Zanzani


Giovanni Zanzani

Creative Commons License Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons .


La prossima cronaca verrà pubblicata l'8 novembre 2010

CRONACHE PUBBLICATE
Global warming
Pappagalli
Pubblicità e graffiti
Mostri
Volpi
Football
Anita
Sangue Romagnolo
Mezza estate
In difesa di Sakineh
Oltre l'amore
Un uomo
Un genio italiano
Un santo coi baffi
L'orso ballerino
Ritratti
Rivelazioni sensazionali
Fiaba di Natale
Automatismi
Fantasia
Tempesta in mare
Sono in ritardo


Stampa   Email