Logo_del_sito

Cronache dalla campuria

a cura di Giovanni Zanzani

Giovanni Zanzani

 

20 dicembre Fiaba di Natale


Cari lettori della Campuria, avevo pensato di scrivere una fiaba di Natale, ma Natale è la festa dell'infanzia e io comincio ad essere lontano da questa età della vita.
Poi è la festa della bontà, e io mi trovo più a mio agio coi personaggi un po' tangheri che con quelli zucchero e cannella. Ci ho riflettuto e stavo per desistere, ma l'attualità mi è venuta in aiuto, così la fiaba di Natale non l'ho dovuta inventare, era successa veramente e ricorda per certi aspetti una celebre fiaba di Charles Dickens.
La storia si è svolta a Ravenna, una città così bizantina da indurre i suoi abitanti a credere che, come a Costantinopoli, fuori dalle mura cittadine il mondo finisca.
Protagonista è Augustina, la madre nigeriana delle gemelle albine che quando nacquero dieci anni fa finirono su tutti i giornali perché erano due batuffoli biondi da far pensare a due bimbe finlandesi, loro che avevano una mamma nera come il carbone.
La settimana scorsa Augustina è stata uccisa dall'ossido di carbonio del braciere col quale aveva sostituito il riscaldamento a gas la cui fornitura al suo appartamento era stata interrotta per morosità.
L'individuo avaro e squallido della favola si chiama Hera, la compagnia responsabile della distribuzione di gas, acqua e luce nella piccola Bisanzio adriatica. A differenza di Ebenezer Scrooge, immaginato da Dickens nel racconto Canto di Natale, Hera non cambierà carattere alla fine di questa favola. Ad Hera ciò che sta a cuore è la salute dei propri azionisti, perciò la società continuerà ad interrompere le forniture di gas senza curarsi degli esseri umani che rimarranno al freddo.
A questa favola mancava il lieto fine, però con un po' di fortuna sono riuscito a trovarlo. Si tratta dell'indennità dell'amministratore delegato di Hera, Maurizio Chiarini. Il brav'uomo percepisce 350.000 euro all'anno. Vedete che alla fine di ogni favola c'è sempre qualcuno che dorme al caldo?
A lui non mi viene da augurare buon Natale. A tutti gli altri sì, e dato che ci risentiremo solo il prossimo anno auguro ai lettori ogni felicità. Ai miei due editori che come l'asinello e il bue riscaldano questa rivista bambina, un bel covone di paglia fresca..
Giovanni Zanzani


Giovanni Zanzani

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons .


La prossima cronaca verrà pubblicata il 10 gennaio 2011

CRONACHE PUBBLICATE
Global warming
Pappagalli
Pubblicità e graffiti
Mostri
Volpi
Football
Anita
Sangue Romagnolo
Mezza estate
In difesa di Sakineh
Oltre l'amore
Un uomo
Un genio italiano
Un santo coi baffi
L'orso ballerino
Ritratti
Rivelazioni sensazionali
Fiaba di Natale
Automatismi
Fantasia
Tempesta in mare
Sono in ritardo

DataShack - Internet services