Cronache dalla campuria

a cura di Giovanni Zanzani

Giovanni Zanzani

 

24 gennaio 2011 Fantasia

(L'articolo ci è stato spedito dall'autore da Sao Felipe, Ilha do Fogo, Cabo Verde, terra di balenieri)



Girando per le strade della Campuria si osservano ancora parecchie edicolette devozionali.
Si tratta di colonnine che terminano con una nicchia contenente, se il ragazzaccio di turno non l'ha rubata, l'icona del santo, quasi sempre una Madonna col bambino. Venivano erette per ricordare un evento straordinario, una caduta da cavallo conclusasi felicemente oppure una pestilenza che aveva risparmiato gli abitanti della contrada. Dalle mie parti, meravigliosamente restaurata, ce n'è una nel punto esatto dove un viandante venne sbranato dai lupi. A volte infatti l'immagine sacra doveva segnalare il luogo dove una vita si era interrotta, dunque un punto di passaggio col mondo che si immaginava al di là del nostro. Io nutro grande attaccamento a questi simboli dell'immaginario, essi testimoniano quanto sia sempre stata forte nell'uomo l'esigenza di coltivare la fantasia. In fondo che cos'è la religione se non il primo tentativo di sublimare l'esperienza dei sensi? È pur vero che di essa ci si è serviti per dominare e dividere i popoli, e questo è l'aspetto triste, ma essa fonda le proprie credenze sul carattere immaginifico dell'intelligenza umana, che è l'aspetto che mi piace. Dunque evviva santi e prodigi, e al diavolo preti, cardinali e papi..
Giovanni Zanzani


Giovanni Zanzani

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons .


La prossima cronaca verrà pubblicata il 7 febbraio 2011

CRONACHE PUBBLICATE
Global warming
Pappagalli
Pubblicità e graffiti
Mostri
Volpi
Football
Anita
Sangue Romagnolo
Mezza estate
In difesa di Sakineh
Oltre l'amore
Un uomo
Un genio italiano
Un santo coi baffi
L'orso ballerino
Ritratti
Rivelazioni sensazionali
Fiaba di Natale
Automatismi
Fantasia
Tempesta in mare
Sono in ritardo


Stampa   Email